SEZIONI NOTIZIE

Live: De Zerbi pre Sassuolo-Napoli

di Valentina Spezzani
Vedi letture
Foto

A quattro giorni dalla vittoria di Brescia, il Sassuolo ospita il Napoli per l'ultima partita prima della sosta natalizia. A breve le parole di De Zerbi alla vigilia del match. Stay tuned!

Il Sassuolo viene da una serie positiva: "Le certezze le hai fino alla partita ultima, da Lecce in poi. Se siamo concentrati, attenti e abbiamo coraggio facciamo partite buone. Non so se domani non sbagliare niente equivalga a fare punti, perchè affrontiamo una squadra forte, magari in un periodo non brillantissimo, ma forte, e saranno carichi, noi dovremo esserlo di più perchè i valori sono diversi e vogliamo fare punti".

Sul partire dal basso: "E' una scelta che ci porta dei vantaggi, è chiaro che qualche volta si può essere un po' più verticali. Dobbiamo migliorare nella scelta, soprattutto in quella dell'ultimo passaggio, dobbiamo attaccare lo spazio. Però abbiamo fatto 28 gol. Se vogliamo il tiro in porta da 30 metri si può fare, noi spesso cerchiamo l'imbucata e arriviamo a tu per tu col portiere e queste sono occasioni, anche se a volte si sbaglia e l'occasione non si tramuta in gol. Io preferisco questa strada".

Sul Napoli di Gattuso: "Sicuramente avranno preparato benissimo la partita come fa sempre il loro allenatore. E poi hanno qualità altissima nei singoli. Noi dobbiamo fare partita vera, giusta, lasciando fuori il Natale e tutto il resto, anche perchè lunedì mattina ci alleniamo, non c'è pericolo di vedere bagagli nello spogliatoio. Incontriamo una squadra fortissima ma vogliamo giocarcela, affrontando la gara a testa alta con le nostre armi".

Sulla condizione: "Magnanelli, Djuricic e Berardi sono col punto interrogativo, qualcuno mi ha dato disponibilità perchè non vuole star fuori, ma la situazione è pericolosa dal punto di vista muscolare e non voglio rischiare niente, anche perchè veniamo da sei mesi in cui siamo stati tartassati dagli infortuni. La rosa può sopperire alle assenze, farò la formazione scegliendo l'undici migliore, considerando che la partita può cambiare nei novanta minuti. Giocherà Muldur al posto di Toljan, sta crescendo tanto e diventerà un giocatore importante. Marlon? Ha tutto per diventare un difensore importantissimo, se ha continuità di prestazioni diventa un difensore ai livelli di Demiral, con caratteristiche diverse, ma come livello siamo lì".

Sul 4-2-3-1: "I primi mesi sono stato in difficoltà, è il settimo anno che alleno e non parto mai con un sistema di gioco fisso, non ne ho uno preferito o uno che odio, cerco di mettere i giocatori nelle loro posizioni migliori mantenendo i principi. Mi sono accorto che l'ampiezza è necessaria a questa squadra e ho scelto questo sistema. Il modulo aiuta, ma con la Fiorentina nel secondo tempo abbiamo giocato col 4-2-3-1 ma abbiamo perso meritatamente, per l'atteggiamento avuto, e li c'è stata la svolta".

Su Locatelli: "Ha una qualità che hanno in pochi, fa giocare bene tutti quelli che ha vicino. Giocare a due mediani secondo me è il vestito perfetto per lui. Non ho paura a dirlo, perchè mi sta dando conferme, spero non si fermi, se no cade da più in alto rispetto a dov'era prima".

Su Pegolo: "Domani gioca lui, Consigli non sarà convocato. Se me lo aspettavo così? Sì perchè è rimasto e si allena come l'anno scorso. Abbiamo due portieri forti e affidabili, Pegolo ha dimostrato questo non solo con le parate ma anche col coraggio e la presenza".

Zero gol subiti nelle ultime due partite: "Sono contentissimo, stiamo facendo benissimo da questo punto di vista, anche se lavoriamo sempre con l'idea di essere propositivi".

**riproduzione riservata